Assistenza
legale
integrata per
le operazioni
commerciali
internazionali

Rivoluzione Iva per il 2017: tutte le novità sui Depositi IVA

Dal 2017 la materia dell’IVA subirà delle modifiche sostanziali. Il nuovo decreto legge fiscale collegato alla legge di Bilancio 2017 (d. l. n° 193 del 22 ottobre 2016) ha modificato significativamente vari aspetti. Ci soffermeremo sulle più importanti nuove soluzioni adottate di respiro prettamente fiscale.

Soppressione comunicazione Intra

Un primo considerevole intervento riguarda la soppressione delle comunicazioni INTRA relative agli acquisti di beni e alle prestazioni di servizi ricevuti. La disposizione abrogativa, contenuta nell’art. 4 comma 4 del DL 193/2016 sarà in vigore a tutti gli effetti a decorrere dal 1 gennaio 2017.

Ne consegue che il 25 gennaio 2017 verranno a consegnarsi per l’ultima volta gli elenchi riepilogativi relativi agli INTRA acquisti (Modello Intra -2).

Deposito IVA

I cambiamenti vanno soprattutto a toccare la disciplina del deposito IVA ex art 50 bis d. l. 331/1993.

La nuova disciplina fissata dall’art. 4 comma 7 del DL 193/2016 prevede l’abrogazione dal 4° comma del corpo dell’art 50 bis della lettera d), il che significa eliminare qualsivoglia delimitazione a specifiche categorie di beni per l’estrazione dal deposito di beni da parte di soggetti passivi d’imposta che utilizzano o commercializzano detti beni nel territorio nazionale.

Ma è fuor di dubbio il comma 6 del citato art. 50 bis del dl. 331/1993, ad uscirne segnatamente ridisegnato. A decorrere dal 1° aprile 2017, ai fini dell’estrazione dei beni da deposito IVA, non è più necessaria l’iscrizione alla Camera di Commercio, industria, artigianato e agricoltura da almeno un anno nonché il requisito dell’”effettiva operatività”.

In sostanza per alcune tipologie di imprese la modificata norma, a parere di chi scrive, rappresenta un appesantimento della gestione finanziaria in quanto dal 1° aprile il deposito iva cambia la sua sfera operativa a tutte le transazioni e chi estrae dovrà, diversamente da quanto previsto dall’attuale norma,  assolvere l’imposta con un F24  senza diritto a compensazione, andando così ad incrementare  enormemente il credito iva nei confronti dello Stato, nonché aumentando la responsabilità del depositario.

Ricordiamo ai lettori che il deposito Iva di cui all’articolo 50 del Dl/ 331/93 ha come obiettivo differire il pagamento dell’IVA, in quanto l’assolvimento della stessa si ha non nel momento in cui i beni sono introdotti nel deposito, ma nel momento in cui vengono estratti (e non sempre).

Nel deposito IVA possono essere introdotti beni nazionali e comunitari. Di conseguenza, i beni extracomunitari potranno essere inseriti all’interno di un deposito IVA, soltanto dopo essere stati immessi in libera pratica e pagato i dazi doganali.

Il maggior vantaggio di tale istituto per un’azienda che utilizza tale strumento, è il fatto che, finanziariamente parlando, ottiene un differimento nel momento in cui l’imposta deve essere assolta; di conseguenza, consente di ridurre il ricorso al mercato del credito (qualora necessario), riducendo gli oneri finanziari.

Ora la mutata norma annulla, di fatto, tale vantaggio per tutte quelle imprese che movimentano grandi volumi di merce in regime di deposito IVA, trovandosi da una parte costrette a versare l’IVA e, dall’altra, con crediti di ingenti somme d’imposta per i quali dovrà chiedere a rimborso l’eccedenza.

Si evidenzia, inoltre, che l’attuale Dl 193/2016 non ha previsto per tale credito IVA la possibilità di recuperare velocemente tale credito o una corsia preferenziale. Pertanto:

  • se da una parte il nuovo impianto normativo del Dl 193/2016 ha di fatto eliminato le limitazioni alla tipologia di merci che possono essere introdotte in un deposito IVA in quanto ora sono ammesse tutte le cessioni di beni eseguite mediante l’introduzione in un deposito Iva
  • dall’altra chi estrae assolve l’imposta senza diritto a compensazione.

In particolare su questo ultimo punto, si evidenzia che per gli acquisti comunitari con l’estrazione l’assolvimento ha solo rilevanza contabile; mentre per le altre con versamento diretto in F24 con divieto di compensazione entro il 16 del mese successivo ovvero con l’utilizzo del plafond IVA

Il decreto, inoltre, dettaglia la responsabilità per il pagamento d’imposta al momento dell’estrazione. L’attuazione e la corretta gestione delle nuove regole prevedono che sia il gestore del deposito fiscale il soggetto tenuto a farsi carico del versamento dell’imposta seppure in nome e per conto di colui che effettua l’estrazione.

Ad ogni modo tra i due soggetti viene creandosi un vincolo di responsabilità solidale per il versamento, da effettuarsi entro il giorno 16 del mese successivo a quello della data di estrazione.

In questo contesto il nuovo comma 6 ha stabilito che il soggetto che procede all’estrazione annoterà nel solo registro acquisti, e dunque non più anche nel registro delle fatture emesse, l’autofattura unitamente ai dati della ricevuta del versamento suddetto.

Se si aggiunge che muta anche il processo di estrazione dal deposito per i soggetti che si identificano come esportatori abituali che effettuano l’acquisto senza pagamento dell’imposta, capiamo come la fattispecie del deposito Iva cambia completamente regole, allargando la sua sfera operativa. 

L’esportatore abituale deve comunicare telematicamente i dati contenuti nelle dichiarazioni d’intento all’Agenzia delle Entrate, a sua volta tenuta a rilasciare ricevuta, dunque secondo le modalità previste in via ordinaria per l’acquisto da fornitori nazionali.

Altra importante novità attiene ai termini di presentazione della dichiarazione annuale IVA. Verranno da un lato ad introdursi delle mini dichiarazioni Iva trimestrali, mentre dall’altro, per le dichiarazioni annuali IVA si dispone un lasso temporale più ampio per la presentazione, compreso tra il 1° febbraio e il 30 aprile dell’anno successivo.

In conclusione, seppur vada salutata con favore la novità legislativa, relativamente alla finalità anti-evasive, che probabilmente creerà un notevole incremento di gettito, tuttavia, per quelle imprese che utilizzano il Deposito IVA, la nuova norma rappresenta decisamente un aggravio nella gestione della tesoreria. Seguiremo da vicino l’argomento allo scopo di tenere aggiornate le imprese interessate.

Giuseppe De Marinis

logo

Studio Tupponi, De Marinis, Russo & Partners

via Famiglia Bruni, 1 | 47121 Forlì | CF e P. IVA 03556460404
Tel. +39 0543 33006 | Fax +39 0543 21999 | info@tupponi-demarinis.it